Archivi tag: vito scafidi

Un fiore per Vito, una firma per la Vita

di Paolo Dezuanni
vitoscafidi

“Un fiore per Vito, una firma per la vita. Perché non si può più morire a scuola!”

La frase, scritta sui cartelloni appesi alle pareti degli atri, pronunciata dalle decise labbra degli studenti, non ha mancato di farsi sentire, anche quest’anno, lungo i corridoi scolastici, nelle menti dei giovani che tengono alla vita e all’istruzione.
E a coloro i quali sembra insensato che un ragazzo di diciassette anni, mentre stava nella sua classe, nel liceo Darwin di Rivoli, sia dovuto morire a causa del crollo di un tubo di ghisa di ottanta chili, dimenticato nella controsoffittatura, sopra il suo capo, che, cedendo, lo ha travolto. Continua a leggere

Le scuole vanno a pezzi

di Camilla Cupelli

La scuola italiana naviga da tempo in cattive acque: tra riforme più o meno giuste, tagli ai bilanci ed edifici poco sicuri quello dell’istruzione sembra uno dei settori più in crisi del nostro Paese. Due anni fa, però, con una delibera della Gazzetta Ufficiale n°32/2010 del 14/09/2010 n.215, il CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, ndr) ha annunciato l’erogazione di centinaia di migliaia di euro in favore di una serie di scuole italiane, tra le quali diverse nella Regione Piemonte, che necessitavano, e necessitano tutt’ora, di manutenzione straordinaria in materia di edilizia scolastica. 81 scuole piemontesi, tra le quali tre nella zona del Verbano-Cusio-Ossola, hanno fatto richiesta per ottenere questi fondi, senza successo.

Continua a leggere

22 novembre a Rivoli

di Camilla Cupelli

Sono già trascorsi tre anni dal crollo di un soffitto del liceo Darwin di Rivoli, da quel 22 novembre 2008 in cui perse la vita il giovane Vito Scafidi e alcuni suoi compagni rimasero feriti, il problema della sicurezza nelle scuole risulta sempre più centrale per i bilanci delle amministrazioni. Tema che ha trovato spazio nel dibattito pubblico dopo la sentenza del crollo del liceo di Rivoli. Nonostante l’assoluzione di sei imputati, rimane la condanna di primo grado a 4 anni di reclusione per Michele Del Mastro, funzionario della provincia per la sicurezza nelle scuole.

Continua a leggere