Archivi tag: rocco sciarrone

L’area grigia delle mafie: un confine opaco

di Valentina Aiello

Gremita la Libreria “Librarsi Spalavera” di Verbania in occasione dell’incontro “L’area grigia delle mafie: espansione territoriale, collusioni e complicità”, che si è tenuto venerdì 10 marzo. Il professore di Sociologia della criminalità organizzata Rocco Sciarrone, ospite della serata, ha illustrato i tratti distintivi e le dinamiche che caratterizzano la cosiddetta “area grigia” delle mafie.

Servendosi della “cassetta degli attrezzi dello scienziato sociale”, il relatore ha tracciato un percorso di ragionamento partendo dal metodo di espansione effettivo delle mafie. Leonardo Sciascia, nel suo celebre Il giorno della civetta (1961), rappresenta l’espansione mafiosa come un innalzamento della “linea della palma”: la metafora non significa solo l’aumento della presenza degli alberi di palma (identificabili con la presenza mafiosa) ma anche l’aumento delle condizioni climatiche adatte al suo nascere. Il sorgere di nuove locali di mafia, infatti, rappresenta il sintomo, il segnale che nel substrato sociale, economico e politico si è creato un certo ambiente favorevole, quello che per Sciascia è “il clima che è propizio alla vegetazione della palma”. Grazie a questo nuovo punto di vista, le mafie si discostano dalle rappresentazioni quasi mitologiche che loro stesse costruiscono: quando si parla di mafia, non si tratta di forze invincibili e capaci di infiltrarsi dappertutto e sempre. Si tratta di organizzazioni che hanno numerosi punti deboli, il primo fra tutti quello di non poter agire “da sole”, servendosi solo dei propri affiliati, ma avendo bisogno di condizioni di contesto favorevoli. Continua a leggere

Incontro “L’area grigia delle mafie: espansione territoriale, collusioni e complicità”

di Carlotta Bartolucci

Il 21 marzo, “XXII Giornata della memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafia”, si avvicina a grandi passi: per questo la rassegna di eventi organizzata da Libera VCO in preparazione a essa prosegue, infittendosi sempre più. Il prossimo appuntamento vedrà infatti ospite della Libreria “Librarsi Spalavera” (via Ruga n.16 Pallanza, VB), venerdì 10 alle ore 21, Rocco Sciarrone, docente di Sociologia della criminalità organizzata presso l’Università degli Studi di Torino.

Quello di venerdì rappresenta un appuntamento cardine di questo percorso di approfondimento: grazie alle spiegazioni del professor Sciarrone si avrà modo di comprendere ancora meglio le motivazioni che hanno spinto Libera Piemonte a designare Verbania come città ospitante della manifestazione regionale. Autore del saggio “Mafie vecchie, mafie nuove. Radicamento ed espansione”  e di un’indagine sociologica svolta presso la Piana di Gioia Tauro che ha messo in luce i rapporti e le modalità di interazione tra la criminalità organizzata e l’imprenditoria, il professore parlerà infatti del concetto di “Area grigia”. Partendo dall’analisi dei soggetti, dell’organizzazione e dei metodi di espansione in territorio di origine non tradizionale delle mafie, racconterà poi i rapporti tra criminalità organizzata a e società civile: in particolare con quei soggetti, facenti parte dei diversi settori professionali e politici della società, che operano in una “terra di mezzo”, tra legalità formale e illegalità sostanziale. Si analizzerà perciò in quale modo e misura tale “Area grigia” contribuisca alla proliferazione delle mafie: gli atteggiamenti di superficialità, omertà o disinteresse, ma anche di cooperazione e favoreggiamento finalizzati a un arricchimento reciproco, sono infatti un supporto fondamentale per l’infiltrazione e il radicamento delle mafie. Ma ancor più sospetto deve destare il concetto di reciprocità: la cosiddetta “Area Grigia” non è solo uno strumento comodo per le mafie al fine di realizzare affari di “Enterprise syndicate” (cioè volti a stabilire un potere di tipo economico). Essa rappresenta infatti anche un ampio bacino di utenza che ricerca e si avvale della collaborazione mafiosa per ottenere maggiori guadagni, mutuandone tecniche e strategie. E’ una componente della società che contribuisce allo stabilirsi, da parte delle mafie nei territori di nuova espansione, del cosiddetto “Power syndicate”, che si declina con un controllo più o meno capillare del territorio. Continua a leggere