Archivi tag: libera piemonte

Il 21 marzo sfilerà a Verbania

Ormai è ufficiale: la “XXII edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, per la regione Piemonte, si svolgerà a Verbania il 21 marzo 2017.

Dal 2016 infatti, Libera ha scelto di celebrare questa giornata in una città di ogni regione, invece che concentrare tutti i partecipanti in un’unica città simbolica d’Italia, come secondo tradizione dal 1996. L’intento è quello di sensibilizzare ancor più capillarmente la cittadinanza locale, in attesa che si concluda l’iter di ufficializzazione della giornata da parte del Parlamento.

XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie a Torino, 21 marzo 2016

L’anno scorso per il Piemonte come città ospitante è stata designata Torino, che negli ultimi anni è stata teatro di numerose inchieste giudiziarie che hanno dimostrato l’alto livello di radicamento delle mafie nel nord Italia.

Per l’edizione del 2017, invece, la scelta della città simbolo non è stata semplice. Nella conferenza stampa tenutasi presso il Comune di Verbania venerdì 13 gennaio, Eugenio Bonolis, referente della rete provinciale di Libera VCO, ha perciò illustrato le motivazioni che hanno portato alla scelta della nostra città. Innanzitutto c’è un forte bisogno di allargarsi rispetto al capoluogo, alla grande città, per portare la riflessione sul radicamento mafioso al nord anche nelle zone che appaiono più estranee al fenomeno. Zone in cui raramente si manifestano in modo palese la mafie che minacciano o uccidono, ma che per questo non possono considerarsi immuni a tutti quei comportamenti che permettono alle mafie di esistere e sopravvivere. Si tratta dell’atteggiamento di passività, complice silenzio, cultura mafiosa che caratterizza molte province settentrionali. Continua a leggere

Carovana antimafia 2014: si parte!

di Claudia Isoli

POSTERDETTAGLICAROVANATutto è nato dal Raduno regionale dei giovani di Libera Piemonte, svoltosi a Cascina Arzilla nel mese di giugno. Un raduno vissuto dai ragazzi dei vari presidi come un’opportunità di condivisione e di conoscenza delle varie realtà che ruotano intorno al mondo di Libera. Dopo quell’incontro, è stata percepita da tutti non solo la voglia di mettersi in gioco in prima persona, ma anche quella di scoprire più a fondo le altre realtà che compongono la grande rete di questa associazione. Continua a leggere

Una tonnellata di sughero per l’ambiente

di Rachele Dalla Savina

Amorim Cork Italia è una multinazionale, leader nel mercato del sughero, che da anni si occupa della lavorazione di questo tipo di materiale, creando oggetti più disparati: dai tappi per le bottiglie di vino fino a componenti per i pannelli solari. Recentemente ha avuto un’illuminazione: promuovere una campagna, intitolata Etico, di raccolta del sughero usato al fine di risparmiare, limitare gli sprechi, riciclare il materiale.

Continua a leggere

Aggregare, condividere, ricominciare

da liberapiemonte.it

di Valentina Aiello

Dopo un mese di agosto rigenerante e rilassante, ricominciano per tutti i membri di Libera Piemonte le attività e i compiti: a Torino sabato 22 settembre si sono tracciate le linee guida del nuovo anno sociale, in occasione del coordinamento regionale, svoltosi nell’“edificio delle congiunzioni e delle unioni”, la Fabbrica delle “E”.

«Come tutti gli anni – spiega Maria José Fava, referente di Libera Piemonte – quest’anno sarà molto importante porre come obiettivo il tentativo di aggregare e incontrare ancora più persone, perché in un momento difficile come questo, la prima cosa che viene attaccata sono i diritti». Continua a leggere

Un altro anno insieme

di Valentina Aiello

Nel pomeriggio di sabato 16 giugno, a Torino, i referenti delle province piemontesi di Libera si sono riuniti per confrontarsi e riflettere sull’anno sociale appena concluso e su quelli futuri, tenendo l’Assemblea Regionale presso una sala nella Fabbrica delle “E”.
Presieduta da Maria Josè Fava, l’assemblea ha previsto per prima l’approvazione del bilancio dell’anno sociale 2011-2012. Dall’analisi del bilancio, basato soprattutto sui numeri che «spesso riescono a dire più delle parole», è emerso che quest’anno è stato senz’altro positivo.
Libera, grazie anche alle inchieste Minotauro e Albachiara, ha ampliato molto la sua presenza nel territorio, attraverso i giovani, attraverso la politica e le istituzioni. Ne sono esempio, la formazione di 7 nuovi presidi e il continuo coinvolgimento delle scuole, le ormai 10 piattaforme politiche e la neonata la commissione antimafia di Torino. E, ancora, attraverso i beni confiscati, che ricevono finanziamenti e sono luoghi simbolo per l’organizzazione degli eventi, come quello del 19-20 maggio a Cascina Caccia, e anche attraverso i soci singoli, che contano circa 1100 tesserati.

Continua a leggere

Terzo Raduno dei Giovani di Libera


di Camilla Cupelli e Silvia De Medici

Sono passati vent’anni dalle stragi di Capaci e via d’Amelio, da quegli anni pesanti e infuocati che hanno segnato la storia del nostro Paese. E vent’anni è l’età che hanno molti dei giovani impegnati in Libera, giovani che non hanno vissuto quei momenti tragici, che appartengono ormai ad un’altra generazione. Per tenere uniti questi ragazzi, indipendentemente dai loro territori d’origine, Libera ha scelto, tre anni fa, di organizzare un raduno dei giovani a livello nazionale: cinque giorni di impegno ed allegria, all’insegna di una preparazione comune ad un altro anno di resistenza civile.

Quest’anno la ricorrenza si terrà dal 25 al 30 luglio a Borgo Sabotino, in provincia di Latina. In questo territorio è stato costruito un Villaggio della legalità dedicato alla vittima Serafino Famà all’interno di un bene confiscato alla camorra, che è la sede delle attività di Libera sul territorio.

Continua a leggere

Da San Sebastiano a Brindisi

In ricordo di Melissa e contro l’assurda violenza perpetrata verso gli studenti della scuola Francesca Morvillo di Brindisi.
Il Coordinamento Regionale di Libera Piemonte, composto dai referenti dei sei coordinamenti provinciali e dai responsabili degli oltre 40 presidi di tutto il territorio, si unisce alla manifestazione indetta alle 18.30 in piazza San Carlo a Torino e contestualmente in tante altre piazze del Piemonte.
Qualunque sia la matrice di questo inaudito gesto, non possiamo che fermarci a riflettere su ciò che è avvenuto e far sentire la nostra vicinanza alle vittime dell’attentato e alle loro famiglie, tenendo alta l’attenzione sulle indagini e in attesa di capire chi possa avere interesse a seminare terrore e a mietere vittime innocenti.
Il Coordinamento è riunito per due giorni in Cascina Caccia, bene confiscato alla ‘ndrangheta (alla famiglia Belfiore) e situato a San Sebastiano da Po.
Non c’è per noi modo migliore per assumerci parte di responsabilità in questa vicenda: presidiando un bene confiscato, tenendo stretti i nodi della nostra fittissima rete regionale, lavorando per un’Italia migliore, oggi più di ieri.

Il Coordinamento Regionale di Libera Piemonte

E anche Verbania c’era.

L10 Piemonte: Libera in Consiglio Regionale

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=lY8h0chQ6ks&version=3&hl=it_IT]

Mercoledì 14 marzo 2012 Libera Piemonte ha incontrato alcuni delegati del Consiglio Regionale per fare il punto sui risultati e sui progetti istituzionali in riferimento alla piattaforma L10, in particolare su temi caldi come trasparenza, attenzione al ciclo del contratto pubblico e agli appalti, chiedendo scelte forti per spezzare il legame tra mafie e politica.
Il Presidente Valerio Cattaneo e la referente Maria José Fava, intervistati, hanno sintetizzato quanto detto durante la seduta.

Continua a leggere

22 novembre a Rivoli

di Camilla Cupelli

Sono già trascorsi tre anni dal crollo di un soffitto del liceo Darwin di Rivoli, da quel 22 novembre 2008 in cui perse la vita il giovane Vito Scafidi e alcuni suoi compagni rimasero feriti, il problema della sicurezza nelle scuole risulta sempre più centrale per i bilanci delle amministrazioni. Tema che ha trovato spazio nel dibattito pubblico dopo la sentenza del crollo del liceo di Rivoli. Nonostante l’assoluzione di sei imputati, rimane la condanna di primo grado a 4 anni di reclusione per Michele Del Mastro, funzionario della provincia per la sicurezza nelle scuole.

Continua a leggere

La lotta alla mafia è gioia di vivere. Primo coordinamento regionale di Libera

di Irene Pipicelli

Dopo un paio di girotondi e quattro passi per le strade di Torino, finalmente siamo di fronte alla Fabbrica delle “E”, ex fabbrica ora sede del Gruppo Abele nonché officina di Cultura e Arte. Con quella manciata di minuti di ritardo che ci contraddistingue ci affacciamo alla sala in cui è da poco iniziato il primo Coordinamento dell’anno d’impegno 2011/2012.

Nella sala ci saranno un centinaio di persone, che mentre entriamo e ci sediamo vengono aggiornate sulle varie modifiche al sito di Libera. Francesca Rispoli, che si occupa del settore formazione di Libera, mano a mano chiama i vari responsabili che ci parlano delle varie sezioni, dal Geoblog all’Osservatorio sul Gioco d’Azzardo; poi Maria Josè Fava, referente di Libera Piemonte, riepiloga la situazione delle province piemontesi, gli appuntamenti dell’anno vicini e lontani e l’apertura dei corsi Orme -associazione di promozione culturale per il teatro di impegno civile-, che si svolgeranno proprio nella Fabbrica.

Continua a leggere