Incontro “L’area grigia delle mafie: espansione territoriale, collusioni e complicità”

di Carlotta Bartolucci

Il 21 marzo, “XXII Giornata della memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafia”, si avvicina a grandi passi: per questo la rassegna di eventi organizzata da Libera VCO in preparazione a essa prosegue, infittendosi sempre più. Il prossimo appuntamento vedrà infatti ospite della Libreria “Librarsi Spalavera” (via Ruga n.16 Pallanza, VB), venerdì 10 alle ore 21, Rocco Sciarrone, docente di Sociologia della criminalità organizzata presso l’Università degli Studi di Torino.

Quello di venerdì rappresenta un appuntamento cardine di questo percorso di approfondimento: grazie alle spiegazioni del professor Sciarrone si avrà modo di comprendere ancora meglio le motivazioni che hanno spinto Libera Piemonte a designare Verbania come città ospitante della manifestazione regionale. Autore del saggio “Mafie vecchie, mafie nuove. Radicamento ed espansione”  e di un’indagine sociologica svolta presso la Piana di Gioia Tauro che ha messo in luce i rapporti e le modalità di interazione tra la criminalità organizzata e l’imprenditoria, il professore parlerà infatti del concetto di “Area grigia”. Partendo dall’analisi dei soggetti, dell’organizzazione e dei metodi di espansione in territorio di origine non tradizionale delle mafie, racconterà poi i rapporti tra criminalità organizzata a e società civile: in particolare con quei soggetti, facenti parte dei diversi settori professionali e politici della società, che operano in una “terra di mezzo”, tra legalità formale e illegalità sostanziale. Si analizzerà perciò in quale modo e misura tale “Area grigia” contribuisca alla proliferazione delle mafie: gli atteggiamenti di superficialità, omertà o disinteresse, ma anche di cooperazione e favoreggiamento finalizzati a un arricchimento reciproco, sono infatti un supporto fondamentale per l’infiltrazione e il radicamento delle mafie. Ma ancor più sospetto deve destare il concetto di reciprocità: la cosiddetta “Area Grigia” non è solo uno strumento comodo per le mafie al fine di realizzare affari di “Enterprise syndicate” (cioè volti a stabilire un potere di tipo economico). Essa rappresenta infatti anche un ampio bacino di utenza che ricerca e si avvale della collaborazione mafiosa per ottenere maggiori guadagni, mutuandone tecniche e strategie. E’ una componente della società che contribuisce allo stabilirsi, da parte delle mafie nei territori di nuova espansione, del cosiddetto “Power syndicate”, che si declina con un controllo più o meno capillare del territorio.

La pericolosità – e la sottovalutazione – di questo fenomeno richiama con forza la necessità di studiare e saper riconoscere nella vita quotidiana dei diversi settori lavorativi questi atteggiamenti. Ed è questa la motivazione  che ha spinto a scegliere Verbania per la celebrazione del 21 marzo: la minor attenzione civica e sociale verso questi fenomeni, nei territori lontani dai grandi centri urbani dove spesso le notizie delle grandi operazioni antimafia arrivano attutite, deve infatti portare a tener ancor più alta la guardia.

Conoscere, per poter discernere: ecco lo spirito che anima l’organizzazione di questo evento. Venerdì, grazie al contributo prezioso del dott. Sciarrone, faremo un primo passo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *