Incontro “Bruno Caccia: una storia ancora da scrivere”

La rassegna di eventi promossi da Libera VCO in vista del 21 marzo prosegue: venerdì 3 marzo, presso la Biblioteca Civica “Gianfranco Contini” di Domodossola (via Rosmini 20), si terrà l’evento “Bruno Caccia: una storia ancora da scrivere”.

La serata vedrà come relatori Davide Pecorelli, giornalista torinese e autore del documentario Bruno Caccia: una storia ancora da scrivere e Andrea Zummo, responsabile della formazione per Libera Piemonte. In questa occasione gli ospiti cercheranno di approfondire la storia di Bruno Caccia, il magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta a Torino il 26 giugno 1983, a causa della sua determinazione nella lotta agli affari mafiosi al nord.

Si tratta di una vicenda esemplare: Bruno Caccia è la prima vittima di mafia uccisa nel nord Italia e l’unica vittima uccisa per mano della ‘Ndrangheta, sulla base di un omicidio premeditato e fortemente voluto. La ‘Ndrangheta, infatti, è un’organizzazione mafiosa che si adopera in numerosi ambiti della società e dell’economia utilizzando metodi occulti: la messa in atto di quest’omicidio sottolinea ulteriormente la significatività del lavoro che stava conducendo il procuratore Caccia. Tuttavia, la verità sulla vicenda del suo omicidio è stata a lungo all’oscuro, a causa di numerosi tentativi di depistaggio delle indagini. Una parte di verità è giunta alla luce nel 1993, quando è stato condannato all’ergastolo il boss Domenico Belfiore, mandante dell’omicidio. Per quanto riguarda l’esecutore materiale però, la giustizia non è ancora arrivata a una risposta, poiché il processo contro il presunto esecutore, Rocco Schirripa, è tuttora in corso (per approfondire l’andamento del processo documentato da Libera Piemonte clicca qui).

Ricordare la storia di Bruno Caccia significa andare a fondo in uno dei fenomeni che più stanno caratterizzando il nostro tempo: il radicamento, non più “solo” infiltrazione, delle mafie nel nord Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *